Ordine del Giorno approvato dalla V° Conferenza di federazione di Lecco

094148974-124f86aa-9cd9-4b3a-a919-ea19622e6a1f
I giovani comunisti e le giovani comuniste fanno propria la lotta dei 7 operai della Marcegaglia S.P.A da quasi un anno in conflitto con i vertici dell’azienda dopo la chiusura del polo “Marcegaglia Build” di Milano.

L’Impero Marcegaglia, che trasforma in media 5 milioni di tonnellate di acciaio ogni anno, è certamente una delle potenze industriali che maggiormente ha il potere di influenzare le scelte politiche riguardanti in particolare il mondo del lavoro, come dimostra il job acts.
Occupando la propria fabbrica per giorni e manifestando presso le diverse unità locali che la Marcegaglia ha dislocate per il territorio lombardo, questi lavoratori sono un esempio di dignità e non rassegnazione nei confronti di un’azienda che non ha nessuna intenzione di ricollocarli in altri siti produttivi e che probabilmente sta tentando di licenziarli definitivamente.

Ovviamente rifuggendo ogni proposta situazionista, riteniamo che la lotta di classe, laddove viene utilizzata degnamente con pratiche non solo concertative, rappresenti uno strumento serio da utilizzare contro la logica dominante della sottomissione dei lavoratori e delle lavoratrici imperante nel mercato del lavoro attuale.
Che Marcegaglia sia un modello vertenziale sul quale riflettere a proposito della vessazione delle classi subalterne. I giovani comunisti e le giovani comuniste si impegnano a monitorare ed a mettersi al fianco dei lavoratori e delle lavoratrici nelle lotte territoriali, impostando una campagna nazionale ad hoc che rivendichi la nazionalizzazione di quelle grandi industrie, come la Marcegaglia, autrici del più becero capitalismo industriale odierno.

Federazione Giovani Comuniste/i Lecco

PARLIAMONE! Presentazione libri e dibattiti sulla lotta di classe dei nostri giorni


PARLIAMONE! Presentazione libri e dibattiti sulla lotta di classe dei nostri giorni

Dove vanno gli Italiani? – Lotta di classe nell’era dell’autoritarismo tecnocratico
(Libro di A. Arena, Edizioni Nemesis)
L’autore Alessio Arena ci racconterà il filo rosso che conduce il suo ultimo libro. Un’analisi lucida e attenta sulla storia del Bel Paese dal punto di vista dei rapporti di classe, delle trasformazioni politiche e dei grandi cambiamenti epocali: per sapere dove si va, occorre sapere da dove si viene.
Lunedì 28 aprile, ore 21.00 presso il Circolo PRC del Meratese, via Cerri 11 a Merate

Dove sono i nostri – Lavoro, classe e movimenti nell’Italia della crisi
(Libro di Clash City Workers, ed. La Casa Usher)
Un collettivo di giovani lavoratori e studenti che da tutta Italia ha voluto studiare lo stato della struttura produttiva italiana: non una riflessione astratta sul proletariato, ma la paziente analisi dei luoghi, modi e tipi del lavoro. Una ricognizione sul campo della composizione di classe, delle contraddizioni e delle persone, per capire chi siamo e che cosa vogliamo.
Domenica 11 maggio, ore 18.30 presso il Circolo Arci La Lo.Co. di Osnago, stazione FS

Al termine delle serate dibattito libero, con la possibilità di acquistare i libri.
Il Circolo La Lo.Co. è accessibile solo con tessera Arci!

Circolo PRC del Meratese
Giovani Comunisti/e Lecco
L’Altra Europa con Tsipras

I GC Lecco in solidarietà agli immigrati sulla torre di Via Imbonati

I Giovani Comunisti/e di Lecco e Provincia, riuniti in assemblea il giorno 23/11/2010 approvano la seguente

MOZIONE DI SOLIDARIETA’

nei confronti della lotta dei lavoratori immigrati

DELLA TORRE E DEL PRESIDIO DI VIA IMBONATI, MILANO.

Da molti anni a questa parte assistiamo, in Italia, al diffondersi della cultura dell’individualismo, della diffidenza e dell’odio nei confronti di chi è portatore di differenze etniche, religiose e culturali. Questo fenomeno, cavalcato da forze politiche xenofobe e neo-fasciste e di cui la legge Bossi-Fini rappresenta la perfetta cristallizzazione giuridica, ha lo scopo ben preciso di fornire ai lavoratori capri espiatori utili a sviare la rabbia per l’arretramento delle loro condizioni di vita e di lavoro dalla reale causa, il sistema capitalista e il padronato che ne trae profitti.

Frammentare la classe lavoratrice fra Nord e Sud e fra lavoratori Italiani e Immigrati fa il gioco dei padroni di questo paese e diminuisce la forza dei lavoratori. La realtà è ben diversa: esiste un’unica classe lavoratrice di quanti vivono sfruttati dalla borghesia italiana, di qualsiasi provenienza geografica siano.

A farne maggiormente le spese sono stati i lavoratori provenienti da altri paesi: umiliati, sottopagati e ricattati.

Da Rosarno, Brescia e Milano arriva la risposta dei lavoratori immigrati che rivendicano dignità, diritti e lavoro. Dopo la fine, per ora, dell’eroica resistenza dei lavoratori di Brescia il testimone passa a quelli asserragliati sulla torre di Via Imbonati, a Milano, e nel presidio sottostante.

Come Giovani Comunisti di Lecco e Provincia aderiamo totalmente alla loro lotta e condividiamo le loro giuste rivendicazioni:

1) rilascio del permesso di soggiorno per chi ha subito la “sanatoria truffa”; 2) prolungamento del permesso di soggiorno per chi ha perso il lavoro; 3) rilascio del permesso di soggiorno per chi denuncia il datore di lavoro in nero o lo sfruttamento sul lavoro;

4) emanazione di una legge che garantisca il diritto di asilo; 5) riconoscimento del diritto di voto per chi vive in Italia da almeno 5 anni; 6) riconoscimento della cittadinanza per chi nasce o cresce in Italia.

La loro lotta è la nostra perché sono parte essenziale della nostra stessa classe: la classe lavoratrice italiana. Per questo auspichiamo che ogni forza progressista del paese si unisca a questa battaglia che ha a che fare con la giustizia sociale e la dignità del lavoro

Giovani Comunisti/e Lecco

APPELLO AL VOTO PER ALESSANDRO MARCUCCI (Federazione Della Sinistra)

BACIA AD OCCHI CHIUSI,

VOTA AD OCCHI APERTI


Domenica e lunedì alle regionali vota la Federazione della sinistra e scrivi Marcucci!!!

Premia chi è diverso dai politicanti di mestiere. Per ridare senso alla politica, quella fatta di militanza e passione, quella fatta con e per la gente: studenti, precari, lavoratori, pensionati e donne.


BASTA REGALI ALLE SCUOLE PRIVATE!!

PER UN VERO DIRITTO ALLO STUDIO!!


Mentre gli istituti statali cadono a pezzi o vengono chiusi e non hanno soldi nemmeno per comprare sedie, l’attuale giunta lombarda pensa bene di spendere i nostri soldi regalandoli alle “bisognose” famiglie di manager, imprenditori, proprietari di banche o membri di Comunione e Liberazione.

Per quest’anno su 61.130 beneficiari dei buoni scuola gli studenti delle scuole private sono 61.125. Più di 13.000 a famiglie con redditi superiori a 130.000 euro annui.

INVERTIAMO QUESTA TENDENZA!!

Per un REALE DIRITTO ALLO STUDIO: mense, alloggi, mezzi pubblici gratuiti e libri in comodato d’uso.

VOGLIAMO UNA SCUOLA PUBBLICA DI QUALITA’ ED ACCESSIBILE A TUTTI, per questo continueremo A BATTERCI E NON CI FERMEREMO.

http://www.youtube.com/watch?v=v7eFAELVIsM

INTERVISTA PER DARE DEI CONTENUTI ALLA CANDIDATURA…

ALESSANDRO MARCUCCI

Alessandro Marcucci

Nato a Lecco nel 1988, studente universitario in ingegneria dell’automazione, è impegnato in

prima persona nel movimento studentesco per la difesa della scuola pubblica  e il diritto ai

saperi; attivo nelle varie espressioni di gruppo giovanili è coordinatore dei Giovani Comunisti,

con i quali segue con attenzione le vertenze dei lavoratori delle aziende in crisi della provincia,

battendosi per cercare di porre fine alle delocalizzazioni selvagge, licenziamenti e precarietà.


Alle comunali per Lecco vota cosi.

Alle elezioni regionali vota così e scrivi "Marcucci".

lunedì 11 gennaio, SI RIPARTE COI GC!!

ciao a tutti\e ed auguri di buon anno…

non si può che ripartire al più presto… le sfide che ci aspettano sono tantissime: dalle elezioni comunali a Lecco, alle regionali, dai contatti che abbiamo creato con il Movimento Studentesco alle inizative sul lavoro, scuola e antifascismo che devono, a nostro avviso, avere un seguito…

per questo, per tornare a fare il punto della situazione ci troveremo

LUNEDI 11 GENNAIO IN SEDE PRC A LECCO ALLE ORE 21

principalmente per:
– resoconto ultime attività di dicembre;
– vedere come continuare, con nuove iniziative e altro, le questioni lavoro-scuola-antifascismo;
– nuovi\e compagni\e e nuove proposte…

il nostro partito, inoltre, per potersi presentare sia a livello comunale che regionale alle elezioni di marzo, necessita di diverse firme e come componente giovanile, pur naturalmente rivendicando sempre la nostra autonomia politica ed organzizativa, dobbiamo fare la nostra parte perchè le sfide del partito sono anche le nostre e si rispecchiano nella nostra attività politica…

“se si sogna da soli è solo un sogno, se si sogna insieme è la relatà che comincia”

11/12 LECCO: MANIFESTAZIONE STUDENTESCA E SCIOPERO DEI LAVORATORI PUBBLICI

VENERDI 11 DICEMBRE
MANIFESTAZIONE STUDENTESCA
CONTRO I TAGLI ALLA SCUOLA PUBBLICA!!!
(ci sarà sciopero di tutto il pubblico impiego, professori compresi!!!)

CONCENTRAMENTRO DALLE 8.30 IN PIAZZA DIAZ, PRESSO LA STAZIONE..

PER L’ABROGAZIONE DELLA RIFORMA GELMINI DEL 2008,
DELLA RIFORMA UNIVERSITARIA
E PER IL RITIRO DEL DDL APREA!!!

LECCO DEVE TORNARE A MOBILITARSI (in moltissime altre città d’Italia cortei e presidi)
CONTRO IL TENTATIVO DI SMANTELLAMENTO DELLA SCUOLA PUBBLICA,
CON TAGLI DI OLTRE 8 MILIARDI
E CON PORTE APERTE AI PRIVATI NEI NOSTRI CONSIGLI D’ ISTITUTO E NELLE NOSTRE FACOLTA’ !!

Non perdiamo l’occasione di riportare all’attenzione di tutta la città ciò che sta accadendo nei confronti della scuola pubblica… non si è fermato tutto un anno fa, anzi i finanziamenti per la guerra, per le scuola private, per il Vaticano, per le grandi ed inutili opere aumentano, per la nostra scuola solo tagli e delegittimazioni…

L’iniziativa ha lo scopo di informare e discutere di quello che sta accadendo, con riforme, decreti legge, per questo VI SARA’ ANCHE PRESIDIO INFORMATIVO, CON MATERIALE ED ALTRO!!!

ALL’INIZIATIVA SONO INVITATI ANCHE TUTTI I PROFESSORI, ED I LAVORATORI E LE LAVORATRICI DELLE PIU DI 400 AZIENDE IN CRISI DELLA NOSTRA PROVINCIA…

Per chi volesse ci si trova alle 15 lunedì pomeriggio di fianco al’ex arci scighezz per fare striscioni… abbiamo organizzato il tutto con gruppo di circa 30-35 studenti…

“Chi lotta può perdere, chi non lotta ha già perso!” E.Guevara De La Serna