10 Febbraio, noi ricordiamo tutto: nessuna ipocrisia, pratichiamo l’antifascismo!

In merito alla giornata del ricordo condividiamo un comunicato dei Giovani Comunisti milanesi, rivedendoci in pieno:

« Tutti gli uomini muoiono, ma la morte di alcuni ha più peso del Monte Tai, e la morte di altri è più leggera di una piuma. »

Ormai da anni il ricordo delle foibe viene utilizzato come una macchina propagandistica bipartisan mirata all’equiparazione vergognosa e antistorica tra comunismo e nazifascismo. Proprio mentre il capitalismo dimostra di non saper offrire alle nuove generazioni altro che crisi economiche, guerre coloniali e il continuo peggioramento delle condizioni di vita, si cerca di impedire qualsiasi protesta criminalizzando quello che è stato ed è l’unica alternativa reale al capitalismo.
Dal momento che il giudizio sulle foibe non è solo una questione storiografica, ma viene usato con precisi fini politici immediati (come tutto il revisionismo storico sul Novecento, del resto) è necessario affrontarlo con decisione. I Giovani Comunisti non accetteranno mai l’equiparazione tra i partigiani comunisti, che lottavano per liberare il popolo jugoslavo dalle orde nazifasciste e che lo hanno liberato – fino al 1991 – dal regime capitalista, dal colonialismo e dalle guerre fratricide, e chi invece era il colonizzatore e ha tentato di schiavizzare un popolo con il terrore, stuprando, massacrando in nome di criminali pretese imperiali.
I crimini del colonialismo fascista nelle zone occupate vengono totalmente ignorati dalla propaganda sulle foibe: ci si dimentica la frase di Mussolini nel 1920 in cui affermò che “si possono sacrificare 500.000 slavi barbari a 50.000 italiani”; ci si dimentica la politica di italianizzazione forzata della popolazione locale, la distruzione anche culturale dei popoli sottomessi; ci si dimentica i campi di concentramento, sotto il comando di Roatta, in cui morirono solo in Slovenia più di 13.000 persone, le uccisioni sommarie e l’uso sistematico delle squadracce nere, mentre i corpi estratti dalle foibe sono ad oggi 570. Questa politica genocida, unita a contenziosi territoriali di lunga data, ha prodotto la reazione legittima, pur con eccessi, del popolo jugoslavo. Non tutti i morti sono uguali.
Oltre all’anticomunismo, questa operazione propagandistica mira a rivalutare il regime fascista e a legittimare di fatto pretese revansciste e neocoloniali dell’Italia verso i Balcani (non a caso il capitalismo italiano ha una forte presenza tra gli altri in Albania e Montenegro) e le politiche imperialiste in generale (basti pensare al ruolo dell’Italia nei bombardamenti NATO contro la Serbia e contro la Libia).
Non accettiamo lezioni di patriottismo dai gruppi neofascisti, ai quali ricordiamo che Mussolini nel 1917 era sul libro paga degli inglesi (cento sterline dell’epoca alla settimana), che il regime fascista oltre ad aver prostituito l’Italia alla Germania nazista, con le proprie criminali (e ridicole, se non avessero causato centinaia di migliaia di vittime) pretese imperiali ha aperto le porte all’esercito anglo-americano, che a distanza di quasi settant’anni non se n’è ancora andato, e che l’estrema destra storicamente, per tutta la Guerra Fredda e ancora oggi, ricopre il ruolo di cane da guardia atlantico in funzione anticomunista.
Men che meno accettiamo lezioni di patriottismo dal PD, che si è unito in modo vergognoso – ma prevedibile – alla propaganda, e dalle altre forze parlamentari, che in questi anni hanno ampiamente dimostrato il proprio servilismo assoluto nei confronti del padrone d’oltreoceano, svendendo il Paese e il popolo italiano agli interessi di Washington e partecipando attivamente a tutte le aggressioni imperialiste a guida NATO. Non a caso i crimini degli Stati Uniti, che dal 1945 ad oggi hanno massacrato milioni di persone e raso al suolo decine di paesi, vengono totalmente dimenticati e censurati da questi pasdaran del “ricordo” e della “memoria”. Attualmente in questo contesto revisionista si aggiunge anche l’appoggio diretto dei paesi europei alle “rivolte” in Ucraina capitanate dall’estrema destra che cavalca la protesta volta all’ingresso nell’Europa dell’austerità e dei poteri forti. Siamo noi comunisti gli unici autentici patrioti. L’antifascismo oggi è solo retorica se non si traduce nella lotta senza quartiere al governo delle larghe intese che sta massacrando lavoratori, pensionati e studenti e al capitalismo che lo ha generato, la lotta per liberare il nostro paese dal controllo economico, militare e culturale anglo-americano e per liberare il mondo dall’imperialismo e dal capitalismo. La stessa lotta dei partigiani di Tito.

1797376_1432948520275913_517011112_n

Annunci

One thought on “10 Febbraio, noi ricordiamo tutto: nessuna ipocrisia, pratichiamo l’antifascismo!

  1. “Che il regime fascista… …pretese imperiali ha aperto le porte all’esercito anglo-americano”
    detto da chi protegge l’operato di partigiani armati di colt stern e m1 e riforniti di cibo sigarette e cioccolato dai capitalisti loro alleati…
    Si, perchè potete fare negazionismo e revisionismo finche volete, ma a combattere contro il capitale c’era l’Asse, mentre a dar loro aiuto, seppur circoscritto al periodo che va dal 22 al 26 aprile, c’erano i partigiani comunisti.
    antifascisti e capitalisti, ne piu ne meno di quello che siete voi ora.
    dovreste, ma non vergognatevene.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...