CUBA: Buon 55° anniversario della Vittoria della Rivoluzione, Isola Ribelle!

Immagine

 


tratto da http://abrili28.altervista.org:
FELICITAZIONI PER IL CINQUANTESIMO ANNIVERSARIO DELLA RIVOLUZIONE CUBANA

In occasione del 50° anniversario della Rivoluzione Cubana, il 28 de Abrili, Organizzazione della Gioventù indipendentista e socialista sarda, esprime tutte le proprie felicitazioni e auguri di un futuro di prosperità e successi al Popolo e alla Gioventù di Cuba.

Questa gloriosa Rivoluzione per la seconda e vera indipendenza, la sovranità nazionale integrale, la piena dignità popolare e solidarietà sociale e, quindi, il Socialismo, ha rappresentato, per i popoli dell’America Latina in particolare e di tutto il Terzo Mondo in generale, un esempio nonché un disinteressato sostegno nelle loro lotte anticolonialiste e antimperialiste e per i lavoratori, gli sfruttati e i diseredati di tutto il mondo un faro di dignità e speranza circa la possibilità di esistenza di un modello di vita e di sviluppo alternativo a quello capitalistico fondato sullo sfruttamento delle donne e degli uomini e sulla competizione selvaggia e impari tra le donne e tra gli uomini, finalizzata esclusivamente ed egoisticamente al profitto personale. Cuba a tutto ciò, prima nel pieno delle contraddizioni della Guerra Fredda e, in seguito alla dissoluzione del cosiddetto Campo Socialista e dell’Unione Sovietica, resistendo al pensiero e al modello unico globale neoliberista, ha contrapposto un modello sociale, economico, politico ed etico fondato sull’uomo come essere comunitario e individuale, sulle sue esigenze di sostentamento alimentare, di assistenza sanitaria (gratuita), di educazione culturale e professionale (altrettanto gratuita a ogni livello), di accesso ad attività ricreative, sportive e di svago. Il tutto resistendo al cinquantennale e infame embargo, oltre agli infiniti atti di aggressione e terrorismo, della più grande potenza militare e (ancora per poco) economica della storia.

Oggi, nonostante la fuorviante e menzognera campagna dei grandi media occidentali che dipingono la Rivoluzione come un processo stanco e sulla via del tramonto, questa attraversa in realtà, dopo aver superato il suo periodo di maggior difficoltà economica e isolamento internazionale nel decennio successivo alla dissoluzione dell’URSS, la sua migliora fase dal ’59 a oggi: in questo inizio di secolo l’economia sta conoscendo tassi di crescita di diversi punti percentuali all’anno e l’isolamento continentale della Guerra Fredda e mondiale degli anni Novanta sembra ormai solo un brutto ricordo con le vittorie di processi rivoluzionari che, in Venezuela così come in Bolivia, in Nicaragua così come in Ecuador, si richiamano – pur nella peculiare situazione di ognuna di esse – all’esempio politico, sociale, etico e morale della Rivoluzione castrista e sembrano finalmente coronare il sogno del Che di una America Latina unita nella fratellanza e nella sovranità, nell’uguaglianza e nella giustizia, nella libertà e nel socialismo.

Per concludere, oltre a ribadire tutti i nostri auguri al Popolo e alla Gioventù di Cuba, e in particolare alle loro organizzazioni, il Partido Comunista de Cuba e la Unión de Jóvenes Comunistas, di altri 50 anni e oltre di successi rivoluzionari e di prosperità sociale, vogliamo augurare al compagno Fidel Castro di poter ancora per molti anni arricchire e dare un contributo militante, con le sue riflessioni e articoli, alla lotta rivoluzionaria cubana, latinoamericana e mondiale, e al compagno Raul Castro e agli altri dirigenti cubani un buon lavoro nella tortuosa via di sviluppo della Rivoluzione e del Socialismo cubano in base alle sfide che il XXI secolo pone e porrà.

HASTA LA VICTORIA SIEMPRE!
PATRIA O MUERTE! 
VENCEREMOS!

Immagine
I giovani cubani ripercorrono la Carovana della Libertà

Dal 2 all’8 gennaio sarà ripercorso per tutta l’Isola il vittorioso tragitto guidato dal Comandante in Capo Fidel Castro nel 1959, al Trionfo della Rivoluzione cubana.

I giovani cubani ripercorrono la Circa 50 “carovanisti”, selezionati in ogni provincia, ripercorreranno il percorso liberatore fatto dai membri dell’Esercito Ribelle, da Santiago di Cuba, sino a L’Avana, consolidano la sconfitta della dittatura di Fulgencio Batista.

I partecipanti sono stati scelti in ogni territorio tra pionieri, studenti della FEM e della FEU, giovani meritevoli, maestri, medici, artisti, sportivi, scienziati, internazionalisti, contadini e membri dell’Associazione dei Combattenti della Rivoluzione Cubana, Ufficiali e soldati delle FAR e del MININT.

Ogni provincia ha selezionato i membri della Carovana, che includerà anche personalità ed Eroi del lavoro, con una percorso segnalato in ogni territorio, per sottolineare il percorso fatto da Fidel tra il 2 e l’8 gennaio del 1959, che terminò in una gigantesca concentrazione popolare nell’allora accampamento militare Columbia, oggi Ciudad Escolar Libertad.

I partecipanti alla carovana, oltre alle attività centrali che si realizzeranno in ogni provincia, visiteranno luoghi storici, combattenti e familiari di martiri della Rivoluzione, tra le molte azioni.

La Carovana della Libertà che si effettua nel 50º Anniversario delle gesta rivoluzionarie, partirà da Santiago di Cuba il 2 gennaio alle otto di mattina e, si prevede, arriverà a Ciudad Libertad l’8 gennaio, anche se poi proseguirà per Pinar del Río per il 17, il giorno in cui il Comandante Fidel Castro visitò questa città, nel 1959 (Traduzione Granma Int.). 

Immagine
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...