Leuci: accordo raggiunto! la fabbrica non chiude

“C’e un misto di emozioni che non si vivono in un ora d assemblea, ma si vivono quotidianamente al presidio dei lavoratori.!!
È stato un accordo molto difficile e sofferto.Un accordo importante raggiunto grazie alla determinazione dei lavoratori e dalle lavoratrici nel portare avanti una mobilitazione così lunga e faticosa.
Gli operai l hanno portata avanti con grande dignità, coerenza e tenacia: semplicemente presidiano il proprio posto di lavoro, con la determinazione di chi ha passato una vita a lavorare.
Non è questo voto che cambierà il loro atteggiamento, il presidio e la loro lotta proseguiranno per far rispettare gli accordi sottoscritti, e non se ne andranno finché il loro progetto ( cittadella della luce) non diventa realtà.”

dal sito Lecconotizie.com, di A. Brivio

LECCO – E’ fatta: i lavoratori Leuci hanno detto sì all’accordo abbozzato lunedì all’Unione Industriali tra sindacati e vertici dell’azienda.Il parere positivo dei dipendenti è arrivato martedì pomeriggio, nell’assemblea organizzata appositamente per discutere della proposta messa a punto nel confronto tra le parti.

Le condizioni generali per chiudere l’accordo ci sono” confermano i sindacalisti di Cgil, Cisl e Uil che domani torneranno in Confindustria per siglarlo.

E’ scampata, quindi, l’incombente chiusura della storica fabbrica lecchese che il 31 marzo avrebbe chiuso i battenti; in quella data dovrebbe partire il contratto di solidarietà che, come stabilito negli accordi, avrà la durata di 9 mesi permettendo ai lavoratori di arrivare alla fine dell’anno; nel frattempo l’auspicio è che possa partire il progetto di rilancio aziendale.

Un’obbiettivo centrato per i dipendenti e per i loro rappresentati che tanto si prodigati in questi mesi per far valere le proprie ragioni, tendendo alta su di loro l’attenzione della città.

“Ricordiamo che l’azienda ha da sempre riferito che non ci sarebbe stata resurrezione, vista la vicinanza con la Pasqua, ma solo la morte a fine marzo – spiega dalla Rsu,Germano Bosisio – Essere riusciti a strappare altri 9 mesi di vita al sito produttivo non è di poco conto. Su questo dobbiamo riconoscere anche il lavoro svolto in queste settimane anche dagli assessori Armando Volonté e Antonio Conrater”.

Gli assessori di Comune e Provincia avrebbero infatti operato per trovare imprenditori interessati al rilancio della fabbrica, in attuazione anche del progetto di Cittadella della Luce sostenuto dalle istituzioni locali, dal Politecnico e dagli stessi lavoratori.

Da parte di questi ultimi, per ora, nessun trionfalismo: “Saremo soddisfatti al 100% quando vedremo risultati concreti sulla ‘Cittadella’ – prosegue Bosisio – Quindi, con i posti di lavoro salvi e con dinnanzi una prospettiva di riconversione della fabbrica”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...