Dalla mobilitazioni studentesche al 5 Dicembre con la Fiom: uniamo le lotte, Riprendiamoci tutto!!

561753_384974691586791_696326289_nI Giovani Comunisti di Lecco esprimono viva soddisfazione per la riuscita manifestazione studentesca che si è sviluppata in modo colorato, vivo e deciso, lungo tutta la nostra città, Sabato 1 Dicembre, promossa dall’ampio e plurale Collettivo Studentesco lecchese. La giornata di mobilitazione è stato un appuntamento importante, giunto dopo un percorso di partecipazione e militanza di un Collettivo che da mesi si batte, fa informazione e si organizza contro il tentativo di aziendalizzazione dei nostri istituti, in difesa di una scuola pubblica, laica e di qualità.
Riteniamo per questo che la giornata di ieri sia stata un’iniziativa decisiva per la consapevolezza della necessità, partendo dalla nostra generazione senza futuro e prospettive, di porre le basi per un movimento giovanile di alternativa alle politiche di austerità del governo Monti e in particolare del ministro Profumo. Quest’evento, che si collega al presidio studentesco del 17 Novembre scorso, ha visto la considerevole partecipazione di studenti e studentesse delle scuole della provincia contro la precarietà delle nostre vite e dei nostri sogni, rivendicando l’esigenza di affermare le nostre personalità e di realizzare le nostre aspirazioni senza doverci piegare alla logica della mercificazione del sapere.

Molti studenti e molte studentesse stanno prendendo coscienza di ciò che queste politiche liberiste provocano sulla loro pelle
, gli stessi studenti lecchesi hanno portato tra le vie e le piazze cittadine un dissenso ampio e crescente verso l’impossibilità di avere una istruzione di qualità e valida, a causa di scelte presentate come inevitabili, in realtà asservita alla logica di chi tenta di privatizzare tutto, smantellando lo stato sociale (scuola, appunto, e sanità) e distruggendo ciò che resta dei diritti nel mondo del lavoro.
Riteniamo importante che gli stessi manifestanti siano passati, durante il corteo, a portare la loro vicinanza e solidarietà ai lavoratori e alle lavoratrici Leuci, da mesi in lotta , così come gli operai della Lucchini in assemblea permanente, per difendere il lavoro e i propri diritti.
E’ necessario a nostro avviso ribadire che il mondo della scuola e quello del lavoro si ritrovano su più fronti a combattere la stessa battaglia. Questa cosa ci dimostra la pratica di riprendere possesso dei propri spazi e diritti può contribuire alla creazione di un unico grande fronte per una società alternativa, che non soltanto è possibile, ma che ora come non mai ci viene “imposta” dalle condizioni materiali in cui viviamo.

Per questo, successivamente alla mobilitazione territoriale, rilanciamo subito l’appuntamento del 5 Dicembre a Milano, a fianco dei metalmeccanici della Fiom, con gli studenti che hanno deciso di mobilitarsi a livello regionale per una giornata che si inserisce all’interno di una mobilitazione unitaria tra studenti e lavoratori. Contro i tagli all’istruzione pubblica e questo governo, in tutela dell’art. 18 e del contratto nazionale, ogni scuola sarà una fabbrica di lotta, e in ogni fabbrica la lotta farà scuola.DSC06782

E’ necessario, e lavoreremo concretamente per questo a fianco di tutti gli studenti che desiderano riprendersi ciò che spetta loro, continuare a tenere viva la protesta studentesca: dopo aver rimandato al mittente l’Aprea 2 occorre rilanciare altri momenti di partecipazione, analisi critica e conflitti che, dai nostri istituti e dalle nostre piazze, producano proposte alternative e valide alle politiche di austerity che sostengono istituti privati, spese militari e grandi ed inutili opere e nel frattempo tagliano il fondo ministeriale per l’offerta formativa impoverendo la scuola pubblica.
Per questo, i Giovani Comunisti di Lecco sostengono senza se e senza ma le lotte degli studenti e dei lavoratori del mondo della Scuola e dell’Università, apprezzando il coraggio e la determinazione con cui si stanno mobilitando: ci mettiamo a disposizione, come sempre è stato, per tutti gli studenti e le studentesse che , a partire dalle loro scuole, credono sia giunto il momento di rilanciare una protesta che vada a mettere in discussione lo stato di cose presenti. Partendo da Lecco, Riprendiamoci tutto, cambieremo il paese, per non dover cambiare il paese!

Marcucci Alessandro
Coordinatore Giovani Comunisti Lecco

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...