I Giovani Comunisti su politiche giovanili e spazi sociali

I motivi di un’assenza

Apprezziamo che la Giunta comunale di centro-sinistra (della quale anche Rifondazione Comunista fa parte) stia cercando di intraprendere una direzione differente rispetto alle amministrazioni leghiste degli anni passati, nell’ambito delle  scelte legate alle politiche giovanili e sociali.

Riteniamo, infatti, fondamentale cercare di allargare alla società civile il dibattito su questioni rilevanti quali il futuro del Centro d’aggregazione, l’informagiovani, l’Officina della musica, la progettazione a lungo termine riguardo ai luoghi per le giovani generazioni; nonostante questo crediamo molto ci  sia ancora da fare, e da perfezionare!

E’ per questo motivo che i Giovani Comunisti di Lecco non parteciperanno all’incontro organizzato da due componenti della maggioranza comunale quali Appello per Lecco e LC 18:30 (realtà giovanile vicino al Partito Democratico), indetto per sabato 12  mattina, con l’Assessore Tavola pronto a rispondere ai dubbi e alle questioni poste dai giovani.

Notiamo differenti criticità nell’iniziativa, partendo dall’orario e dal luogo perché, se si vuole realmente incontrare i ragazzi lecchesi, un appuntamento alle 9.30 di mattina va a danneggiare tutta quella fascia di età tra i 14 e i 19 anni che frequentano quotidianamente  le scuole superiori; se lo si fa poi nell’aula di Formazione Consolida, cooperativa a cui si stanno legando tutte le attività sociali della città cede un poco l’obiettività dell’iniziativa.

Non capiamo, inoltre, il perché un appuntamento con le realtà giovanili sia titolo solo per le due organizzazioni sopra citate, e non per chi da diversi anni , come realtà locale, oltre che ad essere la giovanile di una componente della stessa maggioranza comunale, è presente sul territorio nelle vertenze giovanili, dagli spazi, al diritto per l’istruzione.

Riteniamo che fosse necessario cercare di organizzare l’iniziativa insieme anche alle altre realtà giovanili che , da Qui Lecco Libera a Nuvola Rossa, sono a contatto con i ragazzi, sono tra loro, ne conoscono i bisogni e le difficoltà.

Riteniamo, quindi, che per coinvolgere i giovani e le giovani lecchesi nelle decisioni su questioni cosi importanti occorra  avere un metodo di lavoro che, come piace dire a noi, parta dal basso, dal confronto alla pari, con tutti e senza pregiudiziali.

Per questo rilanciamo l’importanza della partecipazione, della responsabilizzazione di ogni singolo ragazzo lecchese, per allargare il dibattito con chi subisce sulla propria pelle le decisioni da prendere sul futuro della città;  perché non continuare a incontrarsi, allora, insieme ai ragazzi del C.A.G parchetto per difendere l’ultimo luogo di socialità e crescita culturale? O all’Officina della musica a fare cultura e politica, insieme ai ragazzi del Collettivo studentesco e a tutti gli altri giovani che ne animano le giornate? O meglio ancora, nelle piazze e nelle strade insieme a chi ancora non si è stancato di lottare e portare avanti le proprie battaglie?

Ecco allora che non vi saranno tentativi di strumentalizzazioni, ma solo la reale volontà di cambiare lo stato delle cose presenti.

Restiamo, quindi, disponibili, così come tutti i giovani della città, ad incontrarci, a discutere, dopo, però , avere rilevato, da parte di chi organizzerà gli eventi un trattamento alla pari, senza che falce martello, il diritto di dissentire o la non appartenenza ai circoli per bene della città lo escludano.

Marcucci Alessandro, a nome dei Giovani Comunisti Lecco

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...