E’ solo l’inizio!

Migliaia di persone in tutta Italia contro il governo. Scontri a Roma

Per tre voti Berlusoni resta: lo salvano le defezioni dei finiani ed i voti che si sarà riuscito a comprare. Tuttavia resta con numeri risicati. E resta contro il parere delle folle di studenti, lavoratori e precari.

Oggi è  stata infatti una giornata di protesta in molte città italiane contro la riforma dell’Università e contro il governo Berlusconi. Mentre alla Camera era in corso il voto di fiducia, lungo le strade della capitale si sono vissuti momenti di tensione durante le manifestazioni degli studenti. Il corteo degli studenti medi e universitari si è diretto verso Palazzo Madama e ci sono stati momenti di tensione con le forze dell’ordine a Corso Rinascimento, con gli agenti in tenuta anti-sommossa che hanno bloccato l’accesso alle strade che portano alla Camera dei Deputati e al Senato della Repubblica, e hanno risposto al lancio di petardi con lacrimogeni per far indietreggiare gli studenti, come testimoniano le immagini dei media.

Gli studenti, insieme a lavoratori precari e ad altri manifestanti, hanno comunque lanciato petardi e vernice sia contro la Camera che contro il Senato, urlando slogan contro il governo. Ma l’imponente spiegamento di forze dell’ordine ha impedito loro di avvicinarsi ai palazzi della politica.

Anche lungo Corso Vittorio Emanuele, che il corteo ha percorso per dirigersi verso il Lungotevere, i manifestanti hanno dato vita al lancio di pietre e bombe carta, danneggiando alcune vetrine di negozi.

Giunti a piazza del Popolo, i manifestanti sono venuti di nuovo a contatto con le forze dell’ordine in via del Corso, dove ci sono state cariche e scontri, riferisce un testimone.

“I lavoratori italiani vogliono che Berlusconi si dimetta”, ha dichiarato Gianni Rinaldini, leader della Fiom.

“Non hanno fatto nulla per gli studenti e nulla è stato fatto anche per le università. La situazione sta peggiorando di giorno in giorno”, ha invece commentato lo studente universitario Valerio Zampani.

Manifestazioni anche a Milano, dove una sessantina di studenti hanno anche fatto irruzione nell’ingresso della Borsa a Piazza Affari, lanciando alcune uova ed effettuando poi un volantinaggio all’esterno, secondo quanto hanno riferito dalle forze dell’ordine. I manifestanti hanno anche srotolato uno striscione con la scritta “Fund our future, soldi per la scuola pubblica e la ricerca”.

A Palermo centinaia di studenti hanno manifestato a Punta Raisi, bloccando l’aeroporto.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...