FERRERO: AUGURI DI BUON LAVORO A BERSANI

Dichiarazione di Paolo Ferrero, segretario nazionale del Prc-Se.

Innanzitutto i miei auguri di buon lavoro al nuovo segretario del Pd. Auspico che con Bersani il centro sinistra possa uscire dalla logica bipartitica e bipolare che tanti danni ha fatto alla democrazia, ha consegnato il paese a Berlusconi e contribuito alla completa perdita di credibilità del sistema politico.
Su questa base mi auguro che col Pd di Bersani si riesca a costruire insieme una efficace opposizione al governo Berlusconi e alle politiche di Confindustria che stanno scaricando i costi della crisi sui lavoratori e i soggetti più deboli.

Annunci

3 thoughts on “FERRERO: AUGURI DI BUON LAVORO A BERSANI

  1. In effetti gli auguri servono… più a Ferrero che a Bersani! Continuando su questa strada, cioè la stessa che ci ha portato allo sfacio attuale (nel rispetto dei militanti di partito e meno in quello dei “vertici” di partito), il risultato sarà il medesimo: lo sfacio. Bersani è un proseguo di d’alema e si sa dove ci ha portato d’alema…basta collateralismo con il PD!

    Dobbiamo lottare per un’autonomia della nostra politica e riorganizzarci!

    • Più che giusto compagno, il rilancio della credibilità di Rifondazione tra i lavoratori e gli studenti in primis e il lavoro per una unità comunista politica in secundis…. eppure la dirigenza nazionale pare che stia pensando solo alle trattative preelettorali!!!!!

      Invito i compagni a sottoscrivere questo appello:
      http://giovanicomunistiappello.blogspot.com/
      Il conflitto, l’organizzazione, la rifondazione comunista: proposte per i Giovani Comunisti
      Appello a tutti i militanti

  2. Gli auguri sono dovuti, in ogni caso sia Ferrero che Bersani hanno detto che per il momento non sono previste alleanze elettorali tra il PD e il PRC (e quindi la Federazione della Sinistra), ma ci saranno intese sui grandi temi quali ad esempio la riforma della legge elettorale.

    Per quanto riguarda l’autonomia: autonomia non vuol dire nessuna alleanza che anzi è segno di estremismo infantile…e qui ricordo Lenin: essere tatticamente maggioritari (e quindi allearsi anche con il PD se il caso lo necessita) per esserlo anche strategicamente. Autonomia ed indipendenza vuol dire sapere chi si è (autonomia culturale) e sapere dove si vuole arrivare (autonomia programmatica). In ogni caso al momento contiamo quasi 0, non possiamo porre nessun veto e richiuderci in noi stessi sarebbe la fine.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...