Diaz: una sentenza vergognosa. Giustizia non è fatta!

Non possiamo che condividere queste poche righe dell’ Arci sulla ingiusta sentenza per i fatti avvenuti nella scuola Diaz, quel triste Luglio del 2001. Amnesty internationalha definito l’operato della polizie nelle tre giornate del G8 come lapiù grave sospensione del diritto e delle garanzie democratiche in Occidente dalla Scenoda guerra mondiale.

“Vergogna! Un grido partito dal cuore che ha coinvolto pubblico, vittime, molti giornalisti e avvocati. Un grido al quale ci associamo, avendo ancora nelle orecchie le grida disperate degli inermi manifestanti massacrati nel sonno in quella terribile notte.

Ci sono vicende giudiziarie al termine delle quali non si può dire “giustizia è fatta” e il processo ai responsabili del massacro alla Diaz – o meglio a quelli che è stato possibile identificare e processare – è sicuramente una di queste.

Dalla sentenza odierna era però lecito attendersi un po’ di giustizia e dignità da parte dei magistrati in risposta all’arroganza dei legali del ministero e degli imputati.

Questo non è accaduto, con grave preoccupazione per chi da sempre si batte per la difesa della legalità vera, e non di quella a senso unico.

Condanne severissime per i 25 manifestanti ritenuti colpevoli di reati contro le cose, ripescando per l’occasione un reato da tempo di guerra.

A fronte di questo, nessun processo per l’assassinio di Carlo Giuliani. Assoluzioni incredibili e pene tutte ampiamente prescritte per reati minori ai torturatori di Bolzaneto. E ieri sera, infine, la vergogna dello stato maggiore delle forze dell’ordine assolto in blocco per il massacro della Diaz.

Se sono colpevoli i capi ed i sottocapi del 7° reparto mobile, se le molotov sono state portate dentro alla Diaz dalla polizia, possibile sia stata una iniziativa decisa solo da loro?Possibile che nessuno si sia accorto di nulla? Possibile che alcune mele marce l’abbiano fatta in barba a tutti i più importanti poliziotti d’Italia lì riuniti?

Fatti di questo genere calpestano lo stato di diritti, distruggono la credibilità delle istituzioni, spalancano la porta ad uno stato di polizia che ci riporterebbe a un periodo della nostra storia che dovrebbe essere sepolto per sempre. Continueremo a batterci per i diritti e la democrazia, perché finalmente siano fatte verità e giustizia su Genova! “.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...